Dettare testo con Dragon Dictate su iPhone

Dopo aver lanciato le applicazioni per iPhone, Dragon Search è stata interpellata da Apple per andare a realizzare il software di Siri, presente nell’ultimo iPhone, il 4s: questo strumento, in effetti, per tanti anni è stato esclusivamente a disposizione degli utenti pc, con il nome di Dragon Naturally Speaking. Ora, grazie alla versione mobile per iOS, è possibile sperimentare la potenza di questo software per la trascrizione sotto dettatura, soprattutto usando l’iPad: bisogna tenere presente, del resto, che imparare a dettare può non essere molto dissimile dal comprendere come scrivere con il computer, proprio perché il software ha i suoi limiti.

Velocità di digitazione – velocità di dettatura

Prima di tutto, per vedere quanto possa rendervi la vita più facile trascrivendo per voi ciò che state decidendo, è importante che mettiate alla prova il software con un testo online. Una volta effettuato, è bene tener nota dei tempi impiegati dapprima per scrivere e, inseguito, per dettare.

Lettura – scrittura

In tutto ciò, va poi tenuto ben presente quanto tempo si possa impiegare per leggere un testo e, nello stesso tempo, come reagisca il software. Va del resto considerato che, per dettare qualsivoglia frase, c’è sempre bisogno di pensare esattamente a ciò che si va dicendo e, il processo, è ben differente da quello che sta alla base della scrittura effettuata da sé medesimi, dove le mani ricevono direttamente l’impulso intellettuale.

Dettatura e pratica

Altro aspetto molto interessante da tenere ben in considerazione, è che per entrare in sintonia con il concetto di software per la dettatura, bisogna fare della pratica, affinché si impari a formulare esattamente il proprio pensiero prima di esprimerlo, potendo in questo senso portare a termine la dettatura senza errori e senza perdere tempo in modifiche del testo.

Precisione nella dettatura

Altro aspetto fondamentale per coloro i quali intendono affacciarsi con successo in questo mondo della dettatura, è quello secondo il quale la velocità e l’efficienza sono garantite meglio quando le frasi sono espresse in modo regolare, vale a dire, evitando di indicare una parola alla volta, bensì, mettendo in successione tutte le parole necessarie ad esprimere il proprio pensiero finito.

Applicazione mobile – computer

L’uso di Dragon Dictate in versione mobile, a differenza di quella per computer fisso, impone un ritardo nella visualizzazione delle parole: per poter vedere quanto è stato trascritto, infatti, si rende necessario toccare lo schermo per fermare la registrazione. Si tratta, certamente, di un limite accettabile fintantoché il testo da dettare non sia eccessivamente lungo, altrimenti, si vanificherebbe la comodità.

Che dire? Si tratta certo di un programma comodo per coloro i quali devono fare i conti con disabilità o problemi fisici nella digitazione: in altri casi, invece, il tempo di allenamento per la dettatura, potrebbero di gran lunga essere ripagati dall’apprendimento della scrittura a dieci dita, nettamente più veloce.

Scritto da Davide Micheli