Gli iMac sono assemblati negli Stati Uniti?

Come di consueto con tutti i nuovi gadget di Apple, i ragazzi di iFixit hanno fatto a pezzi il nuovo, super-sottile iMac da 21,5 pollici. Questa volta, però, il dettaglio più interessante dal teardown non è stato trovato all’interno del dispositivo, ma inciso nel suo involucro – una dicitura che riportava la frase “assemblato in USA”.

La maggior parte dei gadget di Apple dell’ultimo decennio o giù di lì sono stati assemblati in Cina, il che rende questa dicitura abbastanza inusuale. Per le norme FTC, “un prodotto che include componenti stranieri può essere definito come assemblato in USA senza qualificazione, quando il suo assemblaggio principale si svolge negli Stati Uniti e il montaggio è considerevole.”

FTC dà anche un esempio che si riferisce direttamente a un iMac:

“Esempio: Tutti i componenti principali di un computer, tra cui la scheda madre e il disco rigido, vengono importati. I componenti del computer poi sono messi insieme in una semplice operazione di “cacciavite” negli Stati Uniti, non sono sostanzialmente trasformati sotto lo standard doganale e devono essere contrassegnati dal nome di un paese di origine straniera. Un marchio che riporta le parole “assemblato negli Stati Uniti”, senza ulteriori specificazioni è ingannevole. ”

Questo potrebbe significare che, come sottolinea 9to5mac, Apple o i suoi fornitori hanno un impianto di assemblaggio iMac negli Stati Uniti – un’irregolarità interessante della norma in un mondo dove vengono prodotti la stragrande maggioranza di dispositivi elettronici assemblati in Cina.

E’ comunque ancora troppo presto per dire che la produzione stia ritornando negli Stati Uniti. Nel mese di giugno 2012 Google ha lanciato il Nexus Q, un social streaming player che è stato “progettato e costruito negli Stati Uniti”
Per quanto riguarda il resto del teardown di iFixit, purtroppo ha rivelato che i nuovi iMac più sottili sono sostanzialmente più difficili da riparare di quelli vecchi, con la maggior parte dei componenti sostituibili (compresa la memoria RAM) nascosti dietro alla logic board.

Scritto da Octavia

Salve a tutti, sono Margherita, fervida credente nel potere delle parole. Scrivere è una delle mie passioni. Ho iniziato diversi anni fa scrivendo per Heavy World e collaborando con eutk come redattrice ed intervistatrice, due note webzine e From Wishes To Eternity, rivista ufficiale del fanclub di una nota band musicale finlandese, i Nightwish. Essere informata su ciò che mi circonda, altrettanto. Adesso sono un'articolista freelance, lavoro principalmente su Scribox.it ma anche su altre piattaforme. Collaboro, inoltre, presso la facoltà di giurisprudenza come tutor alla pari. Sono una laureanda della medesima facoltà con una buona padronanza dell'inglese base e giuridico. Sono una di quelle persone che crede che la vita abbia sempre qualcosa da insegnarci, per cui piedi saldi a terra e sguardo che scruta lontano in attesa della prossima esperienza di crescita.