iWatch Apple: nuovi aggiornamenti

tb_2-Yrving-Torrealba

Nuovi dettagli spuntano in rete a proposito dell’iWatch di Apple.

Il mese scorso, il New York Times ha riportato che Apple starebbe lavorando su un dispositivo da polso basato su iOS e fatto di vetro flessibile, voce quasi confermata dalla richiesta di brevetto avvenuta poco dopo, da parte di Apple, per un “dispositivo accessorio indossabile.”

Bloomberg ha riportato altri dettagli Lunedì, secondo i quali Apple abbia messo all’opera sul progetto, ben 100 progettisti. Secondo le fonti di Bloomberg, Apple vorrebbe includere nel dispositvo la possibilità di effettuare e ricevere chiamate e una funzione per le mappe, oltre a funzionalità relative alla salute. Secondo Nilay Patel, l’iWatch si baserà su iOS e non sul sistema operativo degli iPod nano. Ciò significa che il dispositivo potrebbe includere il Bluetooth e le altre funzioni relative alla connettività. La vera sfida di iOS, comunque, è la durata della batteria. Secondo The Verge, l’obiettivo di Apple è quello di dare al dispositivo un’autonomia di cinque giorni per ogni carica, mentre i prototipi, al momento, durano solo un paio di giorni.

Se i numeri di Bloomberg sono esatti, uno smart watch potrebbe essere molto proficuo per Apple, ancor più di un TV set. L’industria degli orologi ha margini alti fino al 60%, mentre le TV solo il 10%. Oltretutto, l’industria degli orologi, sta conoscendo una forte crescita e probabilmente questo per Apple è il momento perfetto per entrare nell’industria.

Scritto da Octavia

Salve a tutti, sono Margherita, fervida credente nel potere delle parole. Scrivere è una delle mie passioni. Ho iniziato diversi anni fa scrivendo per Heavy World e collaborando con eutk come redattrice ed intervistatrice, due note webzine e From Wishes To Eternity, rivista ufficiale del fanclub di una nota band musicale finlandese, i Nightwish. Essere informata su ciò che mi circonda, altrettanto. Adesso sono un'articolista freelance, lavoro principalmente su Scribox.it ma anche su altre piattaforme. Collaboro, inoltre, presso la facoltà di giurisprudenza come tutor alla pari. Sono una laureanda della medesima facoltà con una buona padronanza dell'inglese base e giuridico. Sono una di quelle persone che crede che la vita abbia sempre qualcosa da insegnarci, per cui piedi saldi a terra e sguardo che scruta lontano in attesa della prossima esperienza di crescita.